Come combattere nel modo giusto la cellulite

Dici la verità, per eliminare la buccia d’arancia hai eliminato il sale vero?

Sì, lo so che lo fanno tutti, ma realmente funziona? Anche chi è in sovrappeso elimina pasta e pane, ma rimane sovrappeso… eppure lo fanno tutti!

Ma prima di addentrarci nel discorso “buccia d’arancia”, sai cos’è la cellulite? E sei proprio sicura di soffrirne?

Vedi, molto spesso viene confusa la cellulite con altro, e quindi seppur tenti di combatterla con ogni rimedio possibile e inimmaginabile, passando dai rimedi della nonna ai riti voodoo, proprio non schioda da lì. Rimane attaccata come Winnie the pooh al miele!

Probabilmente, stai confondendo il tuo problema!

Prima di bombardarti di notizie però voglio rassicurarti, perché al termine dell’articolo saprai riconoscere il tuo problema e saprai come affrontarlo!

Ma andiamo per gradi. Sai realmente cos’è la cellulite? Purtroppo, è una vera e propria patologia, diffusissima tra donne e uomini (Non siete le sole vittime!), con segni chiari che permettono di distinguerla da altri problemi che spesso confondiamo per essa.

Immagino che quando ti guardi allo specchio e trovi quelle fastidiose fossette subito, oltre a maledire tutto e tutti, subito inizi a bere di più, fare lunghe camminate, eliminare il sale e tutti i cibi salati, assumere drenanti e ricorrere ai massaggi linfodrenanti.

Ti svelo un piccolo segreto: il 90% delle ‘strategie’ messe in atto sono errate, anzi anche peggio, controproducenti, e probabilmente aumenteranno il problema arrivando alla prova costume che puoi grattare il parmigiano con la coscia.

Prima capiamo perché ciò che si fa di routine è errato e infatti non risolve il problema, poi capiamo come combattere, finalmente, la cellulite!

Il 99% delle donne (Se te lo stai chiedendo la risposta è sì, ho incluso anche te), si ferma a osservare il problema, credendo che l’aspetto visivo possa dare con certezza l’identità del problema.

La classica e fastidiosa buccia d’arancia che compare quando contrai il muscolo non per forza è cellulite. Se sei fortunata, la stai confondendo con due problemi molto più facilmente risolvibili, ed è per questo che a volte, parlando con una tua amica o con l’estetista, avrai sentito dire

“ma nooo, io ho eliminato il sale, ho bevuto per una settimana i diuretici e sono stata meglio, guarda le foto mentre ero a Malta, che fisico che avevo, fai anche tu così”

Solo che tu ci hai già provato, ma niente, proprio non si è schiodata!

È chiaro… semplicemente perché la persona con cui hai parlato non soffre di cellulite, ma banale ritenzione idrica. L’aspetto visivo è molto molto simile.

È un po’ come chiedere a un uomo la differenza tra il verde tiffany e il verde acqua. Per noi è lo stesso, identico, colore! (Io, tutt’oggi, ancora non ho capito, oltre il nome, qual è la differenza!)

Tornando alla ritenzione idrica, a volte basta andare a ridurre l’infiammazione (e non si fa con il 99% dei drenanti presenti sul mercato poiché risolvono, se sei fortunata, il problema nell’immediato, ma lo peggiorano nel lungo termine, e non di poco…) e migliorare un po’ l’alimentazione per eliminare il problema. È per questo che in tanti credono sia facile e immediato eliminare la cellulite.

Ma da oggi sai che quando ti dicono “e che ci vuole, io subito ho fatto” saprai come rispondere… (non intendo mandarla a quel paese eh, non mi assumo responsabilità legali)

La cellulite è ben altro!

Purtroppo, non basta neanche solo scendere di peso. Un altro falso mito che circola riguardo questa patologia è che compare in seguito all’aumento di peso, ma basta perderlo per eliminarla… “che sarà mai, scendi di peso e scompare… al massimo rimangono le smagliature”

Si certo, e mio nonno era mago Zurlì

Ahimè non è così semplice, quando accade ciò è perché il problema non era la cellulite, ma l’eccesso di adipe… grasso per intenderci.

La cellulite è ben altro…

Immagina Atlante che mantiene la terra… fintantoché non ha rogne, la sorregge, con il massimo impegno e il massimo sforzo disponibile, in modo perfetto e brillante.

Cosa potrebbe mai andare storto?

Ecco…

Immagina adesso se qualcuno, annoiato dalla propria routine quotidiana, decidesse di andare da Atlante e iniziare improvvisamente, senza motivo e ragione alcuna, a fargli il solletico.

Cosa potrebbe accadere? Che da un momento all’altro, poiché Atlante soffre il solletico (è scritto nei libri di mitologia eh) molli la presa.

Adesso hai ben presente cosa accade alle proteine che formano l’impalcatura che sorregge la pelle quando si manifesta la cellulite. Perdono la forza e da un momento all’altro non riescono più a reggere l’epidermide, la pelle per intenderci. Ma non sono le sole colpevoli, anzi, purtroppo intervengono anche gli adipociti (le cellule che contengono le riserve di grasso del tuo corpo) che iniziano a spingere dal basso, alterando la struttura armoniosa dell’epidermide e formando quella famosa e fastidiosa buccia d’arancia.

Ma c’è un modo per capire se è cellulite o meno!

Uno dei problemi, e che può giocare a nostro vantaggio, della pelle a buccia d’arancio, ma quella vera con il marchio DOP, riguarda la circolazione.

I problemi causati dalla cellulite non riguardano solo gli aspetti che ti ho appena descritto, ma anche i capillari e i vasi sanguigni che alterano la circolazione della zona coinvolta.

“E come posso capire tramite la circolazione se il problema che ho io è cellulite?”

Tranquilla, perché è semplice!

Il problema di circolazione, se c’è, causa un’alterazione della temperatura della zona, indipendentemente dall’attività svolta.

Ti invito a fare una prova. Se puoi, sali e scendi le scale di fretta, come se stessi per perdere il bus che passa ogni ora!

Dopodiché, tocca la zona dove hai la cellulite, solitamente la parte esterna delle cosce in prossimità del gluteo.

Se la zona è fredda, mi dispiace dirtelo, ma abbiamo un problema: la cellulite!

Se invece non lo è, puoi capirlo da un altro aspetto caratteristico.

Riguarda la comparsa semplicissima di ematomi, lividi. Basta guardarla con fare minaccioso e subito compare un livido. Anche con la minima botta eh, non dico che devi urtare violentemente come fosse un crash test!

Ma tranquilla! non sei tu che sei strana, è il mondo a essere cattivo. 

Però, finalmente hai capito che non è un problema che riguarda solo te, e poiché oggi sono buono, ti dico anche che è risolvibile.

Purtroppo però c’è un MA (Speravi fosse facile eh? Dici la verità)

Il ma è anch’esso abbastanza risolvibile!

Devi cambiare il tuo stile di vita!

Cambia alimentazione, allenamento e proprio lo stile di vita!

Semplice vero?

Ok detta così forse può spaventare, ma non devi! Andiamo per gradi.

L’alimentazione!

Come detto all’inizio, spesso si riduce il sale, aumenta l’idratazione, si assumono drenanti, si ricorre a massaggi su massaggi, creme che migliorano il collagene ricco di vitamine etc…

Purtroppo stai buttando via soldi

Ti spiego il perché

La cellulite non la puoi “curare”, ma la puoi trattare eliminando gli inestetismi fastidiosi che non ti fanno indossare il costume in santa pace in estate

Innanzitutto smettila di privarti! Non è vero che il sale o gli alimenti salati ti aumentano la cellulite!

Anzi, eliminando il sale otterrai proprio l’effetto contrario! 

Seguimi e capirai cosa accade

Il corpo è una macchina “quasi” perfetta, per cui ad ogni azione corrisponde una reazione!

Supponiamo che l’azione che hai messo in atto è quella di eliminare il sale. Cosa accade?

Ecco, accade il macello!

Perché la reazione del corpo è quella di mettere in atto meccanismi per compensare la perdita di sale, ovvero:

TRATTENE ACQUA

 Per cui la prima cosa da fare è: non eliminare il sale dalla dieta!

Per quanto riguarda drenanti e massaggi linfodrenanti possono avere invece la loro utilità se li utilizzi nel modo giusto, ma non bastano!

L’azione principale da fare è quella di RINFORZARE l’impalcatura che sorregge la pelle!

Ma tranquilla, perché ti spiego anche questo in un articolo dedicato solo a questo aspetto.

Clicca qui per accedere direttamente all’articolo.

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.